L'Agnese va a morire

L'Agnese va a morire è un film del 1976 diretto da Giuliano Montaldo, tratto dall'omonimo romanzo di Renata Viganò.

Trama
Agnese è una donna di mezza età di Comacchio che vive con suo marito Palita, membro della Resistenza. Un giorno il marito viene deportato in un campo di concentramento, dove morirà. Rimasta sola, Agnese decide di aiutare i compagni del marito portando cibo, informazioni, armi e notizie da un paese all'altro: diventa così una staffetta partigiana. La sua vita prosegue così per sei mesi, ma un giorno un soldato tedesco uccide per gioco la sua gatta nera: la notte stessa, Agnese lo colpisce spaccandogli la testa con il calcio di un mitra e lasciandolo per morto.
È l’inizio della Resistenza di una donna e di una intera generazione.

Ambientazione
Comacchio (stazione Foce), Volano.

Il mulino del Po

di Alberto Lattuada

scopri

Un ettaro di cielo

di Aglauco Casadio

scopri

E.T. l'extra-terrestre

di Steven Spielberg

scopri


Eventi speciali


King Kong

di John Guillermin

scopri

E ridendo l’uccise

di Florestano Vancini

scopri

Oltre la bufera

di Marco Cassini

scopri

Promosso da

        

Patrocinato da